Allenatore e Preparatore atletico - Triathlon

triathlon 01

 

La mia prima gara di Triathlon era di tipo promozionale.

Ricordo però che in acqua feci una fatica incredibile, il nuoto infatti  non era la mia specialità e le bracciate non finivano mai. Uscito dalla vasca stremato, mi precipitai verso la bici da corsa (di mio fratello!).

I giri nel parco forlanini avvenivano ad un ritmo frenetico, avevo una buona gamba e volevo recuperare il tempo perduto.

Ma non era giornata, infatti poco tempo dopo bucai la ruota anteriore e dovetti proseguire sul cerchione. Facendo attenzione a non rovinare la preziosa sfera metallica mettevo il peso del corpo indietro come se volessi impennare un bolide, e tale era l'ingegno che il pneumatico anteriore sfiorava il terreno con innaturale dolcezza. Una fatica bestiale!

A questo punto iniziava la terza prova quella per me più edificante. Un fatto però mi lasciava perplesso, la mia andatura non era verso l'avanti ma verso l'alto. Avevo infatti acquisito lo schema motorio della pedalata e la mancanza di recupero elastico indotto dal ciclismo mi vedeva lottare per recuperare gli antichi schemi motori, quelli per i quali ero più a mio agio, quelli della corsa.

Ci volle qualche istante di adattamento (potenza del cervelletto) e poi proseguii spedito!

E' stata un bella esperienza, passare da uno sport all'altro nella stessa gara ti consegna un senso di completezza, hai la certezza matematica che ogni muscolo del corpo si sia impegnato a fondo per trascinare verso il traguardo la tua volontà.

Sai cos'è il MaxLaSS (Maximal,Lactate, Stady State). Tu che fai Triathlon hai bisogno di questo!

Ti serve però un allenamento personalizzato.

Dicono di me - Triathlon

  • "Nei miei primi tre anni di triathlon, che mi hanno portato a gareggiare dalla distanza sprint passando per la distanza olimpica fino al mezzo ironman, non mi sono mai affidato ad un coach per la definizione delle tabelle di allenamento: ho sempre fatto molte uscite con i compagni di squadra adattandomi al ritmo del gruppo, a volte troppo alto, altre troppo basso; molte altre uscite le ho fatte da solo, macinando chilometri senza una finalità che non fosse fare strada o cercare di tenere un determinato ritmo in base alle sensazioni del momento.E poi non si contano gli allenamenti saltati, per mancanza di voglia o di motivazione.Alla quarta stagione di triathlon ho deciso di dare una svolta e cercare nuovi stimoli allenanti, più costanza ed efficacia nel mio modo di prepararmi per le gare... Leggi tutto..
    Simone Baboni (Triathlon)
  • "Ciao mi chiamo Giancarlo e ho 43 anni, ho iniziato a fare sport dopo aver compiuto 30 anni, da ragazzo e da adolescente non ho mai fatto nessuna attività sportiva. Il ciclismo è stato il mio primo approccio serio con lo sport, passando poi per il podismo e approdando negli ultimi anni nel triathlon.Purtroppo non ho avuto esperienze sportive da giovane, ed ho sempre fatto molta fatica nel raggiungere i miei obbiettivi.Paolo mi ha fatto scoprire un nuovo modo di fare sport, cioè quello di farmi capire come sportivo chi sono e cosa posso fare, facendomi conoscere come usare il cardio, come alimentarmi durante gli allenamenti e nelle gare.Creando degli allenamenti su misura, (tenendo conto dei mie impegni familiari e lavorativi) riesco ad eseguirli senza fare troppa fatica, cercando sempre di farli con piacere e con soddisfazione.Grazie a lui ho imparato a capire come ci si allena con il cardio, quali sono le mie soglie aerobiche e anaerobiche e i fuori soglia, e grazie a queste conoscenze ora mi rendo conto quando eseguo la mia attività sportiva, fino a dove posso tirare ed arrivare. Per me conoscere e gestire i miei limiti, rende la mia attività sportiva molto interessante.Con lui ho un programma di allenamento personalizzato di 6 giorni su 7, tenendo conto dei mie impegni lavorativi e familiari (e da Ottobre 2013 fino ad ora Maggio 2014 non ho perso un giorno di allenamento).Tutti i giorni scarico i dati del mio allenamento e lui entro le h 10 del giorno dopo mi risponde e mi valuta la prestazione sportiva. A volte quando gli scrivo una e-mail sulle mie insicurezze oppure dubbi, mi risponde sempre per rassicurarmi e mi spiega tutto ciò che gli chiedo.Con lui posso fare, allenamenti indoor soprattutto nella stagione Autunnale e Invernale, ma soprattutto quando il tempo non mi permette di allenarmi all'aperto. Con la bella stagione e quando il tempo lo permette mi alleno sempre all'aperto. Vengo allenato su tutte le 3 discipline - Nuoto – Bici – Corsa - da un minimo di 60' a 120' oppure dai 2000mt ai 5000 mt di nuoto durante la settimana, mentre i fine settimana i lunghi da 100km ad un massimo di 200km in bici, oppure dai 20km ad un max 40km di corsa .Queste distanze fino ad un anno fa non sarei mai riuscito a farli ma soprattutto non sarei mai riuscito a farli provando piacere e molta soddisfazione.L'allenamento /gara che mi ha dato molta soddisfazione è stata la maratona di Milano il 06/04/2014 conclusa con un tempo di 3h25'38" il giorno prima avevo fatto 180 km di bici. All'arrivo della maratona ero molto soddisfatto perché grazie ai suoi consigli, come alimentarmi e che FC mantenere, sono arrivato all'arrivo senza troppa fatica e molto molto soddisfatto, senza avere avuto nesun tipo di crisi, per tutta la gara.Con lui stiamo preparando un triathlon con distanza IRON, e per questo obbiettivo Paolo riesce a trasmettermi molta fiducia, riuscendo a rendere i mie allenamenti e le gare, anche quelle lunghe, fattibili e soprattutto
    Giancarlo Potenza (Triathlon)
  • "Ciao sono un atleta dilettante che si cimenta nel Triathlon, con una predilezione per la podistica.Ho conosciuto Paolo girovagando in internet alla ricerca di un metodo di allenamento che non fosse il classico fai da te scopiazzando tabelle prese fa Fb o sul web!Ho iniziato ad allenarmi con il "mister" l'8 Ottobre 2014. Mi è subito piaciuto il suo approccio, i primi allenamenti sono stati test massimali in bici, in vasca e sulla corsa ed inoltre ho compilato un questionario sui miei obbiettivi e sui dati antropometrici.Le valutazioni da lui fatte sul mio potenziale non si sono basate solamente sulla mera compilazione tabellare dei risultati dei test ma sulla analisi compartata dei dati analizzati dal mio orologio cardio gps. Con questo metodo si sono tarati gli allenamenti su frequenze cardiache e su velocità e\o cadenze personalizzate.Abbiamo svolto sino ad ora 142 allenamenti che variano da settimana a settimana tutti commentati da Paolo il giorno dopo il quale mi fa aggiungere indice di fatica da 0 a 10 indicativo anche del mio stato di forma.Ogni 4 settimane più o meno mi è stata assegnata una settimana di scarico e devo dire che nonostante gli allenamenti intensi non ho avuto infortuni (incrocio le dita!!).Ora veniamo ai fatti:Triathlon Olimpico di Cesenatico svolto il 28 Settembre 2014 (allenamento fai da te) completato in 2h 45' 51''Triathlon Olimpico di San Benedetto del Tronto svolto il 26 Aprile 2014 (allenamento con Paolo Lazzarin) completato in 2h 25' 27''Direi non male come miglioramento in 7 mesi!!!"
    Amedeo (Triathlon Olimpico)
  • "Ho cominciato a lavorare con Paolo a novembre 2014 per migliorare le mie prestazioni ed arrivare a portare a termine un mezzo ironman.Ho 50 anni e fino ai 48 non avevo mai praticato sport a livello agonistico.Dopo due anni durante i quali mi allenavo da solo rubando consigli quà e là mi sono accorto che non riuscivo a progredire e soprattutto non riuscivo a capire come mai addirittura in alcuni momenti avevo la sensazione di regredire.Il lavoro e la famiglia non mi consentono di avere orari regolari o appuntamenti prefissati quindi avevo bisogno di qualcuno che mi desse delle indicazioni e dei commenti ai risultati che mi consentissero di modificare ed adattare il programma in base ai miei tempi di recupero ed agli impegni.A distanza di 9 mesi posso dire di essere soddisfatto dei risultati che ho ottenuto nel nuoto e nella bici, mentre i miglioramenti nella corsa ci sono ma sono millimetrici, è evidente che il problema è di carattere tecnico, abbiamo modificato la tipologia di allenamento inserendo degli esercizi di tecnica e lavorerò su questo tutto l'inverno per arrivare al 70.3 di Pescara al meglio delle mie possibilità.Risultati tangibili? Ho chiuso il triathlon sprint dell'Idroscalo con un tempo di 6' inferiore rispetto all'anno precedente.Oggi se volessi potrei portare a termine un mezzo ironman ma i tempi non mi soddisfano.E' ovvio che il lavoro ce l'ho messo io, ma la consulenza ed il supporto motivazionale di Paolo mi hanno dato un grosso aiuto, direi che, considerato il costo, il gioco vale decisamente la candela".
    Alessandro ( Triathlon Olimpico e Sprint)
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5