vo2 fc

Uso della frequenza cardiaca per stimare il livello di dispendio energetico

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Per ogni individuo esiste una relazione lineare tra frequenza cardiaca e consumo di ossigeno e questa relazione vale per un ampio spettro di attività fisiche di tipo aerobico.
Da questa relazione (determinata in laboratorio) è poi possibile stimare il consumo di ossigeno, quindi il dispendio energetico, servendosi della frequenza cardiaca.
Questo approccio è ampiamente usato quando non è possibile misurare il consumo di ossigeno nel corso di un’attività fisica.
La figura presenta appunto le relazioni tra frequenza cardiaca e consumo di ossigeno per due atlete di una squadra di pallacanestro durante un test a carico crescente su ergometro trasportatore.
Come si vede, per entrambi i soggetti, la frequenza cardiaca (HR) aumenta linearmente con l’aumento del consumo di ossigeno (VO2).
Per entrambe le donne le rette HR-VO2 sono lineari, ma la stessa frequenza cardiaca non corrisponde allo stesso consumo di ossigeno poiché la pendenza delle retta è diversa.
La frequenza cardiaca aumenta molto meno nel soggetto B (nera)  rispetto al soggetto A (rosso), a parità di aumento di consumo di ossigeno.

Il punto che deve essere rimarcato è che conoscendo la frequenza cardiaca è possibile risalire al consumo di ossigeno in modo abbastanza accurato.
Per l’atleta A una frequenza cardiaca di 140 battiti al minuto corrisponde a un consumo di ossigeno di 58 ml di O2 * kg al minuto.
Registrando la frequenza cardiaca mediante telemetria è stato possibile risalire alla relazione con il consumo energetico (HR-VO2) delle due atlete nel corso di una partita di pallacanestro.
Nonostante la tecnica di risalire al consumo di ossigeno partendo dalla frequenza cardiaca sia molto pratica, in realtà ha un utilizzo relativo, in quanto validata solo per alcune attività, e la relazione tra frequenza cardiaca e consumo di ossigeno non è la stessa per tutte le attività fisiche.
Inoltre, l’assunzione che la relazione HR-VO2 ottenuta in laboratorio sia valida anche per l’attività fisica stessa è una forzatura.
Vi sono fattori che influenzano la frequenza cardiaca indipendentemente dal consumo di ossigeno.
Tra questi citiamo la temperatura ambiente, le emozioni, il fatto di avere precedentemente assunto cibo, la posizione corporea, i gruppi muscolari interessati, la dinamica dell’esercizio e cioè se è di tipo ritmico o continuo.
Ad esempio, se un soggetto pratica danza aerobica, la frequenza cardiaca corrispondente a un certo consumo di ossigeno è sempre superiore rispetto a quella che il soggetto avrebbe se corresse su un ergometro trasportatore.
Anche nel corso di esercizi con le braccia di tipo statico (ad esempio, sollevamento pesi) la frequenza cardiaca è superiore rispetto a esercizi di tipo dinamico, ovviamente a parità di consumo di ossigeno.
Quindi, in questi casi, l’uso della frequenza cardiaca per risalire al consumo di ossigeno (relazione HR-VO2 sviluppata in generale per esercizi aerobici come la corsa o il ciclismo) sovrastima il consumo di ossigeno.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Mental Coach e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.