acqua-disidratazione

Acclimatazione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Le attività fisiche che risultano relativamente leggere in condizioni climatiche favorevoli, diventano molto faticose nei primi giorni di caldo primaverile.
I primi allenamenti di preparazione precampionato per sport praticati in climi caldi, causano spesso colpi di calore, perché il meccanismo di termoregolazione non si è ancora ben adattato alla duplice sfida dell’esercizio e del clima caldo.
Ripetute esposizioni al clima caldo, associato a migliorare capacità d’esercizio, riducono il disagio alle successive esposizioni.
Il termine acclimatazione al caldo descrive l’insieme di adattamenti fisiologici che ne migliorano la tolleranza.
Dati di uno studio dei primi anni ’60 mostrano che la maggior acclimatazione si ha durante la prima settimana di esposizione nel periodo successivo.
Il processo richiede solo 2-4 ore al giorno di esposizione al caldo.
Le prime sedute di allenamento con esercizi di bassa intensità fisica non devono superare i 15-20 minuti.
Successivamente, si può aumentare la durata e il carico degli allenamenti.

Una buona acclimatazione richiede un’adeguata idratazione.
Durante gli esercizi, una notevole quantità di sangue perfonde il sistema venoso cutaneo, trasferendo il calore dal centro alla periferia del corpo.
Anche una più efficace gittata cardiaca aiuta a stabilizzare la pressione sanguigna durante l’esercizio.
Una abbassamento della soglia di sudorazione è complementare a questi “adattamenti circolatori”.
Conseguentemente, il raffreddamento inizia prima che la temperatura interna si incrementi sensibilmente.
La capacità di sudorazione, il più significativo fattore per l’acclimatazione al caldo, si incrementa inizialmente e quasi raddoppia dopo dieci giorni di esposizione al caldo;
il sudore diventa anche più diluito (minor perdita di sale) e si distribuisce meglio sulla superficie cutanea.
Simultaneamente, con l’acclimatazione si riduce anche la perdita di sodio dai reni.
Gli adattamenti circolatori e il raffreddamento evaporativo rendono possibile nelle persone acclimatate l’esecuzione di esercizi con una temperatura cutanea e centrale inferiore e con una minor frequenza cardiaca.
Una minor temperatura interna d’esercizio richiede una minore perfusione della cute, rendendo in tal modo disponibile una più ampia percentuale della gittata cardiaca destinata all’attività muscolare.
L’acclimatazione riduce anche il consumo dei carboidrati durante l’esercizio, una risposta coerente anche con la riduzione dell’adrenalina plasmatica.
I principali benefici dell’acclimatazione vengono a scemare nel giro di 2-3 settimane dopo il ritorno in ambienti con clima più temperato.

Tratto da “Fisiologia applicata allo sport”, Autore: McArdle

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Mental Coach e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.