FORMAGGI

Il formaggio fa male? Il cacao fa bene? Leggiamo tutto e il contrario di tutto. Ma è la domanda a essere sbagliata

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Il cacao va bene perché ci sono i polifenoli antiossidanti, ma guai a mangiare il formaggio perché contiene i grassi saturi; il giorno dopo il formaggio si può portare a tavola, perché ci servirebbe un pò di calcio, e il cioccolato resta in dispensa: troppe calorie.
E’ la vita alimentare un pò schizofrenica di chi si ostina a considerare gli alimenti solo dal punto di vista dei nutrienti che li compongono, finendo inevitabilmente per guardare di volta in volta solo all’uno o all’altro composto che fa bene o fa male entrando in un caos dietetico in cui sembra valere tutto e il contrario di tutto.
Succede a chi non ha capito che ogni cibo è più della somma dei suoi nutrienti, come sottolinea un documento di consenso firmato da un gruppo di diciotto epidemiologi, medici e nutrizionisti delle Università di Copenaghen e di Reading, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.
“Oggi comprendiamo più a fondo gli effetti di molti composti specifici, però non mangiamo mai singole molecole ma il cibo intero e, spesso, assieme ad altri – osserva la coordinatrice del documento, Tanja Kongerslev Thorning dell’Università di Copenaghen-.
Dobbiamo perciò valutare gli alimenti nella loro complessità e considerando il contesto che pure può cambiare le proprietà dei nutrienti in modi imprevedibili”.
Un esempio sono le mandorle: hanno molti grassi che tuttavia sono assorbiti meno del previsto, anche se la frutta secca viene masticata bene e a lungo, grazie alla presenza delle fibre. E non solo.
“I cibi possono essere “buoni” o “cattivi” più o meno di quanto supponiamo perché il mix di minerali, vitamine, composti bioattivi può modificarne la digestione, ma anche perché vengono consumati nei pasti insieme ad altri alimenti con cui interagiscono – dice Kongerslev Thorning-.
L’effetto finale di un cibo sulla salute poi dipende anche dai metodi usati per produrlo o cucinarlo”.
I latticini fermentati come formaggio e yogurt, per esempio, hanno meno conseguenze negative sul colesterolo nel sangue e sono più positivi sulla salute delle ossa, il mantenimento del peso e il rischio di malattie cardiovascolari di quanto sarebbe pensabile considerando i singoli nutrienti che contengono, dal calcio ai grassi.
“I latticini mostrano chiaramente la fragilità di un approccio alla dieta che si basi sul demonizzare o incensare il singolo nutriente” nota l’esperta.
La ricerca ha mostrato che i formaggi e lo yogurt aiutano a prevenire diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e tumori per il risultato di una complessa interazione fra batteri benefici, minerali e altri ingredienti.
La conclusione dei ricercatori avrà molte ripercussioni visto che spesso le raccomandazioni nutrizionali si basano proprio sulle valutazioni dei contenuti di singoli nutrienti: basti pensare al criticato sistema del “semaforo” usato nel Regno Unito, che considera cibi da bollino rosso prodotti salutari come olio e parmigiano.
Occorre andare verso una visione più complessiva, come hanno sottolineato anche esperti del Perkins Centre dell’Università di Sidney presentando il modello della “geometria nutrizionale”, che tiene conto di tutti i macronutrienti e dell’energia ed è pensato per dare indicazioni a chi lotta contro i chili di troppo e calorie senza valutare le proteine che, invece, quando si vorrebbe dimagrire sono utili per tenere a freno la fame.

Tratto dal Corriere Salute

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Mental Coach e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.