biscotti

Siamo sicuri che mangiare «senza» sia una buona idea? Una ricerca ci invita a leggere meglio le etichette

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Stiamo diventando adepti del senza. Senza grassi, senza zuccheri, senza sale: i prodotti privi di componenti che sappiamo non essere il massimo in termini di salubrità sono sempre di più e ci attirano perché li consideriamo automaticamente meglio degli altri.
Il sillogismo “questo biscotto è senza zucchero, lo zucchero fa male, questo biscotto è buono e fa bene” è immediato, ma siamo certi che sia corretto? Stando alle conclusioni di un’ampia indagine pubblicata sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics quasi sempre stiamo prendendo un abbaglio, perché i prodotti senza-qualcosa sono spesso peggio di altri dal punto di vista nutrizionale. Eppure attirano: dopo aver valutato oltre 80 milioni di alimenti acquistati da 40mila famiglie fra il 2008 e il 2012, i ricercatori della Gilling School of Global Public Health, dell’università del North Carolina, hanno osservato che il 13 per cento dei cibi e il 35 per cento delle bevande che finiscono nei carrelli degli statunitensi ha etichette in cui si decanta l’assenza o la scarsa presenza di qualcosa: dai grassi alle calorie, dagli zuccheri al sale.
Dati americani, ma a giudicare dai nostri supermercati la tendenza ha già varcato l’oceano. Gli acquirenti? Soprattutto persone di livello socioeconomico medio-alto, probabilmente anche perché spesso questi cibi e bevande costano di più dei corrispettivi “normali”.
Il guaio è che aprendo le confezioni e analizzando quel che c’è dentro ai prodotti senza qualcosa si hanno diverse sorprese, come spiega Lindsey Smith Taillie, coordinatrice dell’indagine: «Molti di questi cibi hanno un profilo nutrizionale non corretto perché sono privi o scarseggiano di un nutriente sotto accusa, ma sono ricchi di altri elementi altrettanto negativi per la salute.
Un biscotto al cioccolato a ridotto contenuto di grassi da noi analizzato conteneva 4,5 grammi di grassi al posto dei 7 grammi della versione standard, ma ben 14 grammi di zuccheri: il consumatore lo percepisce come più sano, ma complessivamente non lo è. Un altro esempio è il latte scremato al cioccolato, che ha più zuccheri rispetto al latte e più zuccheri e più grassi rispetto ad altre bevande. Le dichiarazioni “a ridotto contenuto” di qualcosa sono spesso fuorvianti: c’è meno solo di quello specifico nutriente, ma perché un prodotto si possa considerare sano si devono tenere presenti tutte le caratteristiche nutrizionali leggendo con cura tutta l’etichetta».
E che dire dei cibi “a basso contenuto” di grassi, calorie, zuccheri? Per essere considerati “low-fat”, per esempio, devono avere meno di tre grammi di grassi nella “porzione di riferimento”, che però cambia parecchio se valutiamo un biscotto o una fetta di torta.
«Un biscotto per dirsi low-fat può contenere tre grammi di grassi in 40 grammi, la porzione tipica, mentre una fetta di cheesecake low-fat deve avere gli stessi grassi in una porzione da 125 grammi: insomma in fatto di grassi due o tre biscotti sono ben peggio della torta», sottolinea Taillie.
La cautela serve anche con altri prodotti “privi di”, indispensabili per i pazienti con intolleranze ma utilizzati da tanti solo “per moda”: la composizione dei prodotti industriali pronti senza glutine, per esempio, non sempre è l’ideale.
Stando a uno studio presentato al congresso dell’European Society of Pediatric Gastroenterology Hepatology and Nutrition, molti tipi di pane, pasta, pizza, biscotti gluten-free contengono tre volte meno proteine e più grassi rispetto alle controparti con glutine.
Servirebbero perciò formulazioni più adeguate e informazioni più chiare sulle confezioni per far sì che i celiaci non rischino squilibri nutrizionali, ma l’avvertimento vale per tutti: quando facciamo la spesa dobbiamo leggere per intero le etichette e non farci ingannare da una frase “ad effetto”.

Tratto dal Corriere Salute del 21 Maggio 2017

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Sport Scientist e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.