blog-zucchero

Troppo zucchero espone il cuore a maggiori rischi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Zucchero sul banco degli imputati: secondo dati raccolti da ricercatori dell’Università di Lund, in Svezia, eccedere con il dolce triplicherebbe infatti la probabilità di infarto.
I risultati, pubblicati sul British Journal of Nutrition, arrivano da un’analisi su 26 mila persone senza diabete o malattie cardiovascolari, seguite in media 17 anni, la cui dieta è stata studiata attraverso diari alimentari.
L’obiettivo era puntato soprattutto sul saccarosio, il classico zucchero bianco da tavola aggiunto a cibi o bevande.
“Per la maggioranza dei partecipanti un consumo regolare di saccarosio non è il risultato associato a maggior probabilità di infarto o altre malattie cardiovascolari – osserva Emily Sonestedt, che ha coordinato la ricerca -.
Per una piccola quota il cui introito di zuccheri aggiunti era al di sopra della media, però, il quadro è molto diverso: in chi ogni giorno introduceva oltre il 15% delle calorie con lo zucchero la probabilità di infarto è triplicata”.
Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), che sta discutendo se dimezzare la dose consentita, a oggi, indicano di non superare il 10% delle calorie giornaliere da zuccheri aggiunti, cioè circa 50 grammi, pari a dieci cucchiaini.
In realtà non è un limite difficile da superare, perfino per chi beve caffè amaro: il problema degli zuccheri aggiunti, sottolineato anche da Sonestedt, è che spesso sono nascosti dove non ce li aspetteremo.
Salse, sughi, cereali per la colazione, cibi impanati, pane confezionato ma perfino salumi o minestroni pronti contengono zucchero, spesso in quantità non trascurabile: in un vasetto di yogurt magro alla frutta si può trovare il corrispettivo di 2-3 cucchiaini.
“Per ottenere dati il più possibile attinenti alla realtà ci siamo focalizzati sull’introito generale di zuccheri, non sui singoli cibi – precisa Sonestedt -.
Il risultato impressiona, ma sulla base di questi dati non ci sono motivi per raccomandare di ridurre il consumo di zuccheri in chi si attiene alle quantità consigliabili dall’Oms: in queste persone la probabilità di eventi cardiovascolari non cambierebbe molto diminuendo i cucchiaini di zucchero.
Diverso è il caso di chi esagera: il 40% della popolazione mangia troppo “dolce” e spesso va molto oltre il consumo raccomandato.
Dobbiamo aiutarli a disassuefarsi al gusto zuccherino”.
Obiettivo non facile, perché si tratta di una preferenza innata: il sapore dolce indica che quel cibo è ricco di energia.
Per “disintossicarsi” si deve pian piano ridurre l’abitudine al dolce ed evitare gli zuccheri nascosti con un’attenta lettura delle etichette: nelle indicazioni nutrizionali leggere la riga “carboidrati, di cui zuccheri”, ricordando che 5 grammi valgono un cucchiaino e che ogni giorno non se ne possono mangiare più di 10.

Tratto dal Corriere Salute di Domenica 11 Marzo 2018

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Mental Coach e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.