blog-Uso del cardiofrequenzimetro

Uso del cardiofrequenzimetro

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Il cardiofrequenzimetro se ben utilizzato può dare un’incredibile serie di dati che possono essere utili per programmare e valutare l’allenamento.

Gran parte del processo di allenamento è volto a sviluppare il massimo consumo di ossigenola soglia anaerobicala soglia aerobica e l’economia di progressione. Questi fattori dipendono strettamente gli uni dagli altri, dovranno quindi essere sviluppati in maniera progressiva.

Concentrandoti sulla frequenza cardiaca, avrai modo di mantenerla entro l’intervallo di valori che ti sei posto come obiettivo per la giusta quantità di tempo, evitando di incorrere nei fin troppo frequenti problemi di superamento della soglia o di sovrallenamento.

Il vantaggio maggiore dell’allenamento con il cardiofrequenzimetro è che dipende in tutto e per tutto dall‘apparato cardiovascolare e dal sistema nervoso autonomo che rispecchia il tuo stato generale di stress 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

In più, è in grado di rilevare se sei stanco, se ti sei allenato troppo, se stai male, se hai freddo o caldo e di conseguenza può suggerirti quali cambiamenti apportare al tuo programma, inoltre l’allenamento con il cardiofrequenzimetro restituisce un feedback immediato sul livello di intensità durante l’allenamento vero e proprio dandoti l’opportunità di variare all’istante il tipo di intensità dell’esercizio.

La frequenza cardiaca fornisce quindi un’ampia serie di informazioni, tra i quali:

– La corretta intensità per lo sviluppo del sistema aerobico

– La corretta intensità per lo sviluppo del sistema anaerobico

– I tempi esatti in cui rimanere nelle zone di allenamento appropriate

– I tempi di recupero corretti durante l’allenamento a intervalli

– I tempi di recupero corretti tra le varie sessioni di esercizi

– La valutazione effettiva degli adattamenti ai programmi di allenamento

– I primi campanelli d’allarme nel caso di sovrallenamento

– I primi segnali di stress da calore

– I primi segnali di esaurimento delle tue fonti di energia

– Le strategie per adottare un corretto ritmo durante le gare lunghe e corte.

Ma voglio darti un esempio pratico.

Nel grafico che trovi qui sotto, trovi un maratoneta che corre a velocità costante a 5’20” al km, si osserva una aumento progressivo della frequenza cardiaca (linea rossa), che ho evidenziato con una linea blu. Ebbene questo è un chiaro esempio di disidratazione, infatti il nostro maratoneta dopo circa 50 minuti inizia a disidratarsi in modo progressivo.

La perdita di acqua che avviene con il sudore, diminuisce il volume plasmatico, il cuore è costretto ad aumentare la frequenza cardiaca per mantenere inalterato il fabbisogno di massa sanguigna a carico dei muscoli attivi.

Da questo dato, si evince che se si vuole fare un allenamento corretto occorre bere più acqua durante la giornata e anche durante l’allenamento.

Ecco come invece dovrebbe essere il comportamento della frequenza cardiaca a carico costante con idratazione corretta.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Atletico Professionista esperto in tecnologia del rendimento, Mental Coach e Digital Coach.
Autore e creatore di Human Performance, un innovativo metodo di sviluppo della prestazione individuale e collettiva.

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

Domande Frequenti

Se decidi di iniziare, ti invierò un questionario da compilare online, poi dovrai effettuare il pagamento trovi le coordinate bancarie nel mio listino prezzi.

Successivamente ti invierò il materiale per le autovalutazioni.

Il programma infatti si basa su una precisa valutazione individuale fatta attraverso test di autovalutazione gratuiti autogestiti.

Poi  è necessario definire gli obiettivi personali (partecipazione a gare) indicando inizio e fine della propria stagione oltre alla propria disponibilità settimanale all’allenamento in termini di ore e giorni.

Con le informazioni ricevute costruirò un programma di allenamento personalizzato e di precisione su base settimanale, il programma viene caricato il lunedì mattina o domenica sera (su richiesta) nella cartella condivisa di google drive.

Ogni 3 mesi verrà realizzato un test di verifica.

L’intera filosofia di allenamento ti sarà più chiara strada facendo, poiché riceverai continuamente da me feedback, email formative e risposte alle tue eventuali domande/dubbi.

Si, posso creare programmi personalizzati per ogni atleta, amatore, dilettante o professionista.

Serve un dispositivo che misuri frequenza cardiaca e velocità, quindi un dispositivo GARMIN, POLAR o Suunto,  vanno bene anche applicazioni come STRAVA, Runtastic ecc.

Gli allenamenti possono essere realizzati indifferentemente indoor sui rulli nel ciclismo e tapis roulant per la corsa oppure  in esterno, decidi tu.

Il programma viene congelato, non perdi nulla, potrai riprendere quando vuoi anche dopo diversi anni di stop.

Nei primi 15 giorni di training puoi verificare il metodo di lavoro, se sei insoddisfatto o altri problemi potrai richiedere senza spiegazioni l’intero pagamento.

Coach Paolo Lazzarin - Allenatore e Preparatore Professionista

Coach Paolo Lazzarin

Allenatore e Preparatore Professionista

Richiedi informazioni

Compila questo modulo per richiedere informazioni.
Sarai ricontattato il prima possibile.

Oppure scrivi una email a info@paololazzarin.com

La tua richiesta è stata spedita!
Sarai ricontattato il prima possibile

ATTENZIONE
Controlla la cartella SPAM se non vedi la mia risposta nella tua posta principale.